Vai al contenuto

Quale tecnologia di rete è giusta per la tua casa?

    1652315822

    La connessione meno percorsa

    Quando si tratta di reti domestiche, una taglia non va bene per tutti. Ho fatto costruire la mia casa cinque anni fa e ho diffuso gocce CAT5e predisposte per Gigabit Ethernet in tutta la casa. Sono stato fortunato (o forse sciocco, considerando l’attuale mercato immobiliare). La maggior parte delle persone non ha questo tipo di cablaggio strutturato nelle proprie case. Ma la maggior parte ha cavi coassiali nelle pareti e quasi tutti coloro che non vivono in una tenda hanno alimentazione in ogni stanza. Se tutto il resto fallisce e non sei alla portata di nessuna presa, c’è il WiFi (di solito).

    Penso che ormai siamo tutti d’accordo sul fatto che tutti coloro che fanno di più che giocare a Windows Minesweeper hanno bisogno di una rete. Ma quale tipo di connessione di rete è la migliore per te, dati i problemi di costo, disponibilità, larghezza di banda e applicazione, rimane un grosso punto interrogativo. Non esiste una risposta valida per tutti. Il Wi-Fi è abbastanza economico e sembrerebbe avere una portata onnipresente in casa, ma chiunque abbia utilizzato il Wi-Fi in uno spazio più grande di 1.200 a 1.500 piedi quadrati lo sa meglio. Ci sono molte fonti di interruzione del segnale, comprese le interferenze RF dei vicini. Allo stesso modo, l’Ethernet cablata è economica e veloce, ma per implementarla al di là di una singola stanza, dovrai distribuire un po’ di ingombro di cavi o incorrere in tempo e/o costo per infilare i cavi attraverso le pareti.

    Netgear non dovrebbe aver bisogno di presentazioni tra i lettori di Tom’s Hardware. L’azienda è stata a lungo un nome di spicco nel networking dei consumatori. Alcune tecnologie durano più a lungo di altre (estensori di Windows Media Center, chiunque?), ma Netgear è stato storicamente uno dei primi ad adottare in tutti i campi che circondano la LAN domestica e lavora duramente per integrare alcune delle migliori funzionalità. Ad esempio, potrei dare dei colpi agli extender, ma l’ultima evoluzione di Netgear nel genere, il Digital Entertainer HD, supporta video H.264, connettività HDMI, S/PDIF ottico e audio FLAC lossless. Gli estensori sono uno spazio di nicchia, ma se hai intenzione di farlo, ecco come farlo nel modo giusto.

    Il nostro argomento oggi è l’infrastruttura, soprattutto quando si tratta di scegliere una topologia adatta alle applicazioni di intrattenimento. Le quattro tecnologie principali oggi disponibili per la creazione di una rete domestica sono Ethernet, 802.11 wireless, Powerline e coassiale. Ognuno di questi quattro ha un posto necessario nel mercato odierno. Per confrontarle con il minor numero di variabili possibili, abbiamo optato per le ultime tre delle quattro da Netgear. La connettività Ethernet generalmente viene integrata nella scheda madre in questi giorni, almeno negli ambienti dei consumatori. Ci sono opzioni discrete, come Killer NIC di Bigfoot, ma la maggior parte delle persone risparmierà semplicemente i propri soldi per altri aggiornamenti più palpabili e utilizzerà opzioni integrate.

    Quale delle quattro tecnologie di connessione è quella giusta per te? Scopriamolo.

    Il nostro ambiente di prova

    Dovremmo affermare proprio qui all’inizio che il nostro obiettivo era confrontare queste quattro tecnologie come opzioni LAN tradizionali. Non volevamo stabilire nuovi record di velocità terrestre (o aerea). Né volevamo necessariamente i modelli più recenti e più veloci in un dato spazio. Dopotutto, Netgear potrebbe non avere il prodotto più veloce in una determinata tecnologia. Allo stesso modo, gli ultimi router 802.11n dual-band potrebbero ottenere numeri migliori rispetto al kit a 5 GHz che abbiamo valutato. Volevamo attrezzature facili, convenienti ed efficaci, i tre criteri che pensiamo che la maggior parte dei consumatori stia cercando. Detto questo, dovremmo essere in grado di valutare le prestazioni e avere un’idea migliore di quali tecnologie offrono un valore migliore in diverse circostanze.

    La nostra piattaforma di test è iniziata con due notebook: un HP Compaq nc8000 (1.66 GHz Pentium M, 2GB RAM, Gigabit Ethernet, Windows XP Professional) e un Dell Latitude E6400 (Core 2 Duo P9600, 4GB RAM, Gigabit Ethernet, Windows XP Professional). Questi sono stati selezionati più per la loro portabilità e perché li avevamo in giro che per qualsiasi altra cosa. Gigabit Ethernet a parte, le loro specifiche sono abbastanza ordinarie, che è quello che cercavamo.

    Successivamente, Netgear è stato così gentile da lasciare una piccola montagna di attrezzatura di prova alle nostre porte. Abbiamo iniziato con il router WNR854T RangeMax Next Wireless-N Gigabit Edition, un’unità ormai matura da 2,4 GHz con quattro porte Gigabit, come asse centrale della LAN. Poi è arrivato lo switch Gigabit a 5 porte GS605. Abbiamo quindi eliminato un Netgear ReadyNAS Duo, completo di porta Gigabit Ethernet, dotato di un’unica unità da 500 GB da cui potevamo eseguire lo streaming dei file di origine del test di trasferimento.

    Su questa spina dorsale, abbiamo quindi inserito le nostre tre connessioni in competizione, di cui parleremo momentaneamente in dettaglio. L’intera faccenda è stata allestita in una normale casa suburbana: 2.600 piedi quadrati, due piani, costruita nel 2003, un sacco di borchie e lastre di roccia, moderne linee elettriche e coassiali nei muri, ecc. L’unica cosa che manca, come nella maggior parte case, era strutturato il cablaggio per la connettività Ethernet.

    Abbiamo testato in due località. Il router, il sistema principale e il NAS sono stati installati in una camera da letto al piano superiore verso l’angolo della casa. Da qui, abbiamo testato la connettività al sistema client su una scrivania adiacente, a circa un metro e mezzo di distanza. Per prestazioni interne a lungo raggio, abbiamo quindi spostato il cliente nel soggiorno al piano di sotto, attraversando circa 40 piedi, un piano e più pareti. La posizione specifica di questo test a distanza era regolata dalla posizione dell’unica caduta coassiale al piano di sotto. Dato che i risultati Gigabit Ethernet sarebbero stati quasi identici in camera rispetto al test a distanza e che il nostro obiettivo principale era sulle tre alternative Ethernet, abbiamo deciso di non far passare un cavo di 100 piedi attraverso la casa per diversi giorni.

    0 0 votes
    Rating post
    Subscribe
    Notificami
    guest
    0 comments
    Inline Feedbacks
    View all comments
    0
    Would love your thoughts, please comment.x
    ()
    x