Vai al contenuto

Recensione del gioco Asus ROG Strix GeForce RTX 2070 O8G: tira fuori i pezzi grossi

    1649480404

    Il nostro verdetto

    È difficile non apprezzare l’Asus ROG Strix GeForce RTX 2070 O8G Gaming… finché non ne vedi il prezzo. Il 2070 più costoso là fuori fa così tante cose bene, però: è veloce, interessante, silenzioso e ricco di funzionalità. Se vuoi una scheda per i giochi QHD che viene composta dalla fabbrica e vivrà in una custodia con finestra, questa è pronta per il rock. Tuttavia, gli appassionati attenti al budget dovrebbero cercare altrove.

    Per

    Eccellenti prestazioni QHD
    Bassa temperatura della GPU, anche sotto carico
    Funzionamento silenzioso
    Pieno di opzioni (doppio BIOS, illuminazione configurabile, FanConnect II, funzionamento semi-passivo)

    Contro

    Non notevolmente più veloce delle GeForce RTX 2070 concorrenti
    Il prezzo elevato fa male al confronto del valore
    Occupa tre slot di espansione

    Recensione del gioco Asus ROG Strix GeForce RTX 2070 O8G

    Quando si tratta di consigliare schede grafiche, siamo abituati a trovare il miglior rapporto qualità-prezzo nella parte inferiore di ogni gamma di modelli. Dopotutto, overclock garantiti, illuminazione sofisticata e grandi dissipatori aggiungono costi considerevoli. Presumibilmente, quindi, ciò metterebbe la ROG Strix GeForce RTX 2070 O8G Gaming di Asus in un grande svantaggio poiché è attualmente la GeForce RTX 2070 più costosa negli Stati Uniti e nel Regno Unito.

    Ma a volte, i vantaggi di un prodotto premium vanno oltre le cianfrusaglie superficiali. Asus offre prestazioni migliori, temperature più basse, meno rumore e più funzionalità rispetto a qualsiasi altro 2070 che abbiamo visto. Anche se molti appassionati non saranno in grado di giustificare la spesa extra per una maggiore attenzione ai dettagli, altri apprezzeranno lo sforzo che è stato dedicato alla progettazione di una scheda grafica migliore della concorrenza in quasi tutti i sensi.

    Scopri ROG Strix GeForce RTX 2070 O8G Gaming

    Asus non è al di sopra delle leggi della termodinamica. La GPU TU106 di questa scheda ha ancora una potenza nominale di 175 W e il suo calore disperso viene dissipato dalle ventole che soffiano attraverso un dissipatore, proprio come le altre GeForce RTX 2070. La differenza è che Asus inizia con un lavandino più grande. Mentre la GeForce RTX 2070 Founders Edition di Nvidia registra circa 2 libbre. 2 once (968 g) sulla nostra scala, la ROG Strix GeForce RTX 2070 O8G Gaming raggiunge quasi 2 libbre. 11 once (1210 g). La scheda si trova su un PCB molto più grande ed è sormontata da un dissipatore di calore molto più lungo, quindi non siamo sorpresi che sia molto più pesante.

    Il PCB della scheda ROG Strix è enorme con una lunghezza di 11 ¼” (28,6 cm). La soluzione termica di Asus sovrasta quella, portando la lunghezza totale a quasi 30 cm (12″). Dalla parte inferiore del connettore PCIe al bordo superiore della scheda, stai osservando circa 5 ⅛” (13 cm). E dalla piastra posteriore alla parte più spessa della copertura della ventola di Asus, sono necessari circa 5 cm di spazio libero. Ad alcune persone piace chiamarlo un design a 2,5 slot, ma si aspettano che ROG Strix GeForce RTX 2070 O8G Gaming monopolizzi tre slot di espansione.

    La maggior parte dello spessore della scheda deriva dal suo dissipatore di calore. La copertura di plastica che si trova sopra la massa metallica è di basso profilo e discreta. Non pende sui lati e blocca il flusso d’aria attraverso le alette. C’è abbastanza spazio per avvolgere le ventole a lame da 90 mm, ospitare un po’ di illuminazione RGB sotto fori di sfiato strategicamente tagliati e avvitare al lavandino. Quelle ventole soffiano attraverso una serie di alette orientate verticalmente divise in due sezioni. Entrambi i pezzi hanno dimensioni simili ma hanno una forma diversa per adattarsi ai componenti sottostanti.

    Il lato più vicino alle uscite del display si trova sopra il processore TU106 di Nvidia. Asus arriva al punto di marchiare la superficie del suo dissipatore di calore MaxContact, riflettendo un processo di lavorazione di precisione che presumibilmente crea più superficie per il trasferimento termico rispetto ai dispositivi di raffreddamento concorrenti. In totale, sei tubi di calore tagliano la base del lavello. Uno di loro passa attraverso la base e si piega di nuovo nella stessa matrice di pinne. Gli altri cinque continuano attraverso la base e nella seconda metà del dissipatore di calore di Asus. Di questi cinque, due tubi corrono attraverso il dissipatore di calore e tornano nella parte anteriore del dissipatore, il più vicino ai connettori del display della scheda.

    L’altro lato del lavello è composto allo stesso modo da spesse alette in alluminio con sporgenze sul fondo per aumentare la superficie. Una piastra di base aggiuntiva scende ancora più in basso per sedersi proprio sopra i 10 stadi di potenza TI CSD95481RWJ NexFET. Un lungo pad termico tra i convertitori buck e la piastra di base aiuta a trasferire il calore.

    L’intero dispositivo di raffreddamento poggia su un telaio metallico che racchiude il PCB tra se stesso e la piastra posteriore. Asus afferma che questo tutore migliora l’integrità strutturale della scheda di 3 volte. Sebbene non abbiamo i mezzi per corroborare tale affermazione, i confronti casuali con altre schede GeForce RTX più leggere (anni 2070 e 2080) suggeriscono che la scheda Asus si piega meno. Saremmo stati più preoccupati se la ROG Strix GeForce RTX 2070 O8G non fosse stata fornita con una sorta di rinforzo, dato il suo peso.

    Uno sguardo più da vicino al PCB rivela molte altre caratteristiche interessanti. In alto, sul retro, c’è un interruttore etichettato P_MODE e Q_MODE, corrispondenti rispettivamente alla modalità Performance e Quiet. Entrambi mantengono velocità di clock e target di potenza simili. Ma la modalità Performance utilizza una curva della ventola più aggressiva, mentre la modalità Quiet riduce la velocità della ventola. In modalità silenziosa, le ventole possono anche rallentare quando la temperatura della GPU scende sotto i 55°C.

    Proprio accanto all’interruttore della modalità, c’è un pulsante con l’etichetta LED ON/OFF. Autoesplicativo, giusto? Se preferisci correre senza tutta l’illuminazione RGB, premi il pulsante per spegnerla.

    Sul retro, un paio di connettori a quattro pin possono essere collegati alle ventole del sistema che rispondono in base alle temperature della CPU e della GPU. GPU Tweak II, l’utility di controllo in bundle di Asus, ha gli hook necessari per ottimizzare la risposta di raffreddamento della scheda.

    Un’intestazione RGB proprio accanto ai connettori della ventola è compatibile con l’illuminazione Aura di Asus. Anche se non colleghi una serie extra di LED RGB per la tua custodia, il software scaricabile Aura Sync ti consente di manipolare l’illuminazione della copertura e della piastra posteriore della ROG Strix GeForce RTX 2070 O8G. Abbiamo particolarmente apprezzato l’effetto di illuminazione della temperatura della GPU, che ha cambiato i colori quando la scheda si è riscaldata.

    Davanti, una copertura dello slot completamente nera offre un bel cambio di ritmo rispetto alle staffe argentate che siamo abituati a vedere. È sparita l’interfaccia DVI-D che si trova sulla scheda GeForce RTX 2070 Founders Edition di Nvidia. Invece, Asus espone due connettori DisplayPort, due uscite HDMI e una porta USB Type-C per HMD VR di nuova generazione. Le fessure di ventilazione sono tagliate nel metallo. Tuttavia, il potenziale vantaggio del flusso d’aria sul retro viene perso poiché le alette del dispositivo di raffreddamento spostano l’aria perpendicolarmente alla staffa.

    I connettori di alimentazione a otto e sei pin sono ruotati di 180 gradi per evitare conflitti con il dissipatore di calore aderente. I LED montati sul PCB si accendono in rosso se si dimentica di collegare l’alimentazione ausiliaria, quindi diventano bianchi quando si effettua il collegamento appropriato. È interessante notare che la GeForce RTX 2070 Founders Edition di Nvidia utilizza un singolo connettore a otto pin per soddisfare il limite massimo di 185 W della scheda. La carta di Asus consuma più potere di quel modello. Tuttavia, si posiziona sotto la GeForce RTX 2070 Gaming OC 8G di Gigabyte con una media di 207 W nel nostro benchmark Metro: Last Light. Asus avrebbe potuto far funzionare un connettore a otto pin, ma a malapena. L’aggiunta del connettore a sei pin è stata una scelta migliore.

    Una piastra di metallo sul lato posteriore della ROG Strix GeForce RTX 2070 O8G Gaming dà al telaio qualcosa da avvitare. Ospita anche il logo ROG, che è illuminato e controllabile tramite il software Aura di Asus. La piastra non entra in contatto con nessun componente sul lato posteriore del PCB, quindi non aiuta con il raffreddamento. In effetti, normalmente ci preoccupiamo che intrappola l’aria calda. Ci sono alcuni fori praticati nella superficie dietro la GPU e sopra i condensatori da 47µF, ma forniscono solo l’accesso alle viti e lo spazio libero dell’altezza z.

    ROG Strix GeForce RTX 2070 O8G GamingGeForce RTX 2070 FEGeForce GTX 1080 FEGeForce GTX 1070 FE Architecture (GPU) CUDA Cores Peak FP32 Compute Tensor Cores RT Cores Texture Units Frequenza clock di base GPU Boost rate Capacità di memoria Memory Bus Larghezza di banda della memoria ROPs L2 Cache TDP Transistor Count Die Supporto per dimensioni SLI

    Turing (TU106)
    Turing (TU106)
    Pascal (GP104)
    Pascal (GP104)

    2304
    2304
    2560
    1920

    8.4 TFLOPS
    7.9 TFLOPS
    8.9 TFLOPS
    6.5 TFLOPS

    288
    288
    N / A
    N / A

    36
    36
    N / A
    N / A

    144
    144
    160
    120

    1410 MHz
    1410 MHz
    1607 MHz
    1506 MHz

    1815 MHz
    1710 MHz
    1733 MHz
    1683 MHz

    GDDR6 da 8 GB
    GDDR6 da 8 GB
    8GB GDDR5X
    GDDR5 da 8 GB

    256 bit
    256 bit
    256 bit
    256 bit

    448 GB/s
    448 GB/s
    320 GB/s
    256 GB/s

    64
    64
    64
    64

    4 MB
    4 MB
    2 MB
    2 MB

    ~225W
    185W
    180 W
    150 W

    10,8 miliardi
    10,8 miliardi
    7,2 miliardi
    7,2 miliardi

    445 mm²
    445 mm²
    314 mm²
    314 mm²

    No
    No
    Sì (MIO)
    Sì (MIO)

    Ciò che vive sotto il cofano della ROG Strix GeForce RTX 2070 O8G Gaming è già noto. Abbiamo approfondito il processore grafico TU106 e la sua architettura sottostante in Turing Architecture Explored: Inside the GeForce RTX 2080 di Nvidia. Asus utilizza lo stesso processore grafico con 2.304 dei suoi core CUDA abilitati e aumenta leggermente la tipica valutazione di GPU Boost fino a 1815 MHz in Modalità di gioco e 1.845 MHz in modalità OC (contro i 1.710 MHz della scheda Founders Edition). Abbiamo confermato che Asus utilizza il TU106-400A di fascia alta su questo modello, piuttosto che TU106-400. Per chi non conoscesse la differenza, Nvidia etichetta la sua GPU TU106 in due modi. Entrambi soddisfano le specifiche GeForce RTX 2070 dell’azienda, ma il TU106-400A con bin più alto si presenta sulle schede overcloccate in fabbrica e sembra offrire un po’ più di margine di frequenza.

    Gli 8 GB di memoria GDDR6 della scheda Asus spostano i dati a 14 Gb/s, in linea con il design di riferimento di Nvidia. Come ci si potrebbe aspettare, quindi, i confronti delle prestazioni tra i due modelli rientrano in una varianza percentuale a una cifra.

    Tutte le schede grafiche Asus includono tre anni di copertura di garanzia. Sarebbe bello vedere l’azienda aggiungere un quarto anno ai suoi modelli di fascia alta, simili a Gigabyte. Ma almeno una garanzia di tre anni corrisponde alla garanzia che ottieni con la Founders Edition di Nvidia.

    Come abbiamo testato la ROG Strix GeForce RTX 2070 O8G di Asus

    L’ultima versione di Asus si troverà senza dubbio in una delle tante piattaforme CPU/schede madri di fascia alta ora disponibili da AMD e Intel. La nostra stazione grafica utilizza ancora una scheda madre MSI Z170 Gaming M7 con una CPU Intel Core i7-7700K a 4,2 GHz. Il processore è completato dal kit di memoria F4-3000C15Q-16GRR di G.Skill. L’SSD MX200 di Crucial rimane, affiancato da un Intel DC P3700 da 1,4 TB carico di giochi.

    Per quanto riguarda la concorrenza, la ROG Strix GeForce RTX 2070 O8G si scontra con la GeForce GTX 1080 e la Radeon RX Vega 64. Entrambe sono, ovviamente, incluse nei nostri risultati di benchmark, insieme alla GeForce RTX 2080 Ti, GeForce RTX 2080, GeForce RTX 2070, Titan V, GeForce GTX 1080 Ti, Titan X, GeForce GTX 1070 Ti e GeForce GTX 1070 di Nvidia. AMD è rappresentata anche dalla Radeon RX Vega 56. Tutte le schede di confronto sono Founders Edition o modelli di riferimento.

    Il nostro elenco di benchmark ha ricevuto una certa attenzione prima della revisione di oggi. Ora include Ashes of the Singularity: Escalation, Battlefield V, Destiny 2, Far Cry 5, Forza Motorsport 7, Grand Theft Auto V, Metro: Last Light Redux, Rise of the Tomb Raider, Tom Clancy’s The Division, Tom Clancy’s Ghost Recon Wildlands, The Witcher 3, Wolfenstein II: The New Colossus e World of Warcraft: Battle for Azeroth. Sono finiti, ovviamente, Battlefield 1 e Doom.

    La metodologia di test che stiamo utilizzando proviene da PresentMon: Performance In DirectX, OpenGL e Vulkan. In breve, questi giochi vengono valutati utilizzando una combinazione di OCAT e la nostra GUI interna per PresentMon, con registrazione tramite GPU-Z.

    Quando generiamo nuovi dati, utilizziamo nuovi driver. Per Nvidia, ciò significa testare i due nuovi giochi con build 417.22 (anche tutti i numeri della scheda Asus sono generati con quel driver). Le carte Founders Edition sono testate con 416.33 (2070) e 411.51 (2080 e 2080 Ti). Le vecchie schede basate su Pascal sono testate con la build 398.82. I risultati di Titan V sono stati controllati a campione con 411,51 per garantire che le prestazioni non cambiassero. Le schede AMD utilizzano Crimson Adrenalin Edition 18.8.1 (ad eccezione dei test Battlefield V e Wolfenstein, che sono testati con Adrenalin Edition 18.11.2).

    0 0 votes
    Rating post
    Subscribe
    Notificami
    guest
    0 comments
    Inline Feedbacks
    View all comments
    0
    Would love your thoughts, please comment.x